You are currently browsing the monthly archive for marzo 2007.

E’ notizia di poche ore l’uscita della Beta di Feisty Fawn 7.04, con solo un giorno di ritardo rispetto alla tabella di marcia (l’uscita era infatti prevista per il 22 marzo). Con ogni probabilità quindi verrà rispettata in linea di massima anche l’uscita della release finale, prevista per il 19 aprile.

Potete scaricare Ubuntu 7.04 Feisty Fawn Beta a questo link: http://releases.ubuntu.com/feisty/

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Ieri sera si è tenuta al circolo Sancho Panza la seconda serata del concorso musicale per band emergenti organizzate da Tube Records, NaturART, InformaGiovani, Comune e Provincia. Serata all’insegna del punk/HC/reggae.

Aprono la serata gli Shank Vibe, sonorità molto jamaicane vagamente old school, suono preciso e pulito, coinvolgenti, e la gente balla. Io dal mio canto odio il raggae, e me ne sto fuori, quindi non saprei dire niente di specifico.

Poi è la volta del gruppo che personalmente mi ha maggiormente convinto, i Kid kills with rabbit. Sound molto seventies, molto punk, spontaneo e bello grezzo, con punte di grunge. Sembra di essere in una cantina ai tempi del liceo, i ragazzi mi sono piaciuti. Spero che il pubblico li premi.

 Ultimi ma non ultimi è la volta dei Johnny Good Meal, Hardcore molto newyorkese, sparato, a tratti vicino al grind e al Metal. Non è propriamente il mio genere, ma dopo il reggae qualsiasi cosa!

 E poi finito. Trascurabile dettaglio le due ore impiegate ad accompagnare i ragazzini InformaGiovaniMagazione a casa, ma come si suol dire, meglio che lavorare.

Ah, l’InCivil Servizio…

Ieri il Circolo Magnolia mi ha regalato una serata come aspettavo da tempo, ospitando gli svedesi Deltahead nel loro tour italiano. E devo ammettere che, nonostante sia stato costretto ad organizzarmi all’ultimo momento, percorrere diverse centinaia di Km a poche decine di km/h, fare le ore piccole dopo una interminabile giornata di (In)Civil Servizio, ne è realmente valsa la pena. Come mai? Beh, riassumendo:

CONTRO della SERATA: l’odiosissima tessera ARCI. ANche quest’anno c e l’avete fatta, a farmela fare, e almeno non è Dicembre…

PRO della SERATA: i Deltahead… Ragazzi, era parecchio tempo che non vedevo qualcuno spaccare a questa maniera.

I Deltahead sono un gruppo provenienta dal freddo nord, Svezia per intenderci, ma di freddo non hanno niente. Prendete, chessò, i White Stripes, e fategli fare quello che dovrebbero e potrebbero fare. Sound buono, bello potente. Impatto visivo niente male, tutto sommato divertente, tanto da convincere persino me, che notoriamente odio buffonate tipo trucco e balletti. Inostri sono in due, chitarra e contrabbasso, con due grancasse e charleston suonate “coi piedi” (non male, proprio con i piedi!), che sopperiscono alla mancanza della batteria. Il risultato è ottimo, un grunge misto punk misto HC, ovviamente con un bello sfondo di delta blues fornito dalle sonorità molto fifties della chitarra rigorosamente slide. Pezzi veloci, forse alla lunga ripetitivi e con scarse idee, ma tant’è, così dev’essere, diretti e potenti. E coinvolgenti, che non è poco. Di date in Italia i Deltahead ne faranno un altro po’, se vi capita andate a vedere questi non-morti del blues. E magari prendetevi il dischetto, che ho sentito si trova tranquillamente in Italia (io l’ho preso al banchetto, ma un amico mi ha assicurato di averlo preso qua alla Casa del Disco di Varese).

Le altre date le trovate o sul sito ufficiale (www.deltahead.se) o sul profilo Myspace del gruppo

 N.B. Per errore il post era finito tra le bozze invece di essere pubblicato, ma me ne sono accorto tardi. Si riferisce comunque al concerto di Mercoledì 14

Nell’articolo di ieri sera spiegavo come è possibile installare ed utilizzare FFMPEG su Ubuntu, con il supporto ad h.264, e come utilizzarlo per convertire i nostri video in un formato leggibile dal lettore Apple. Ma se come me amate le interfacce grafiche e mal sopportate l’idea di dover scrivere linee lunghissime ogni volta che dovete convertire un file, allora vi farà felice quest’altro articolo. Vive infatti non è altro che un comodo front-end grafico per ffmpeg, in GTK, scarno e molto efficiente, e qui di seguito spiego come installarlo e configurarlo in maniera ottimale (sempre nell’ottica della conversione file per l’iPod).

Leggi il seguito di questo post »

Anche se pare sia una delle features meno usate dai possessori di iPod di 5 generazione, ovvero gli iPod Video, vista la cifra spesa per acquistare cotanto oggettino di mamma Apple, sarebbe interessante riuscire a sfruttare la riproduzione video anche tramite linux, nel mio caso tramite Ubuntu. Niente di più complesso, ovviamente. Esiste addirittura una pagina sul wiki di Ubuntu che spiega come fare a convertire i nostri file video, di qualunque formato essi siano, in formati leggibili dal nostro iPod. Prima però darei un’occhiata anche a questa interessante voce di Wikipedia Italia sull’iPod 5g, che descrive con minuziosa precisione che genere di file video il nostro lettore supporta. Nello specifico (e cito letteralmente) l’iPod video supporta i file ” Video H.264: fino a 768Kbps, 320×240 e 30fps, Baseline Profile fino al livello 1.3 con audio stereo AAC-LC fino a 160Kbps e 48Khz nei formati .m4v, .mp4 e .mov Video” e ” MPEG-4: fino a 2,5mbps, 480×480 e 30fps, Simple Profile con audio stereo AAC-LC fino a 160Kbps e 48Khz nei formati .m4v, .mp4 e .mov”. Bene, fatte queste debite premesse passo alla lettura del wiki. Il metodo più semplice consiste nell’usare ffmpeg per convertire i file. Dove sta la parte complicata? A quanto pare ffmpeg, così come è stato pacchettizzato per Ubuntu, non prevede il supporto per il formato h264, che guarda caso è esattamente quello utilizzato dall’iPod. Dunque è necessario scaricare i sorgenti e ricompilarlo in maniera tale da abilitare tale supporto.

Leggi il seguito di questo post »