You are currently browsing the category archive for the ‘Indipendenti’ category.

Oggi sono in vena di rinfoltir(vi) l’agendina. 

Finalmente infatti sono riuscito a trovare la line-up del MiAmi di quest’anno, il festival milanese di musica indipendente che l’anno scorso tanto mi ha esaltato. Il festival è come di consueto distribuito su due giorni, l’8 e il 9 GIugno (il 10 personalmente manco lo considero, visto che da cartellone pare esserci solo djSet), con nomi del calibro (per quanto riguarda la MIA personale scala di valori) di Bachi da Pietra, Perturbazione, Marta sui tubi, Giorgio Canali, Pay… insomma, se devo essere sincero niente che mi esalti (tolti i Bachi), ma credo il top che si potesse aspettare da un festival di musica indie italiana. Direi che ci sono praticamente tutti. Certo mi sarebbe piaciuto vedere Ronin, Wolfango (l’apice dell’anno scorso… quando ho letto il cartello “Wolfango a sorpresa stasera” ho avuto come un sussulto) e chissà che altro che per ora non mi viene in mente. Ma va bene, anche perchè sono poco devoto alla scena, non abbastanza per conoscere più del 20% dei gruppi che suoneranno. 

In ogni caso, l’anno scorso per quanto ricordi, è stato un gran concertone. Spero che quest’anno non sia da meno.

P.S. il 7 sempre all’Idroscalo, White Stripes

Annunci

Ieri sera, Wolfango live al Circolo Magnolia di Segrate (come vi avevo segnalato). Wolfango. Non sono un granchè come recensore, ma la serata di ieri sera merita due parole. O tre, e magari anche quattro. Wolfango è tornato.

Leggi il seguito di questo post »

Purtroppo ho avuto bei cazzi con il computer, e sono riuscito a sistemare il tutto da pochi giorni (con una nuova fiammante Ubuntu 7.04 Feisty Fawn, che viaggia come un treno). A breve tornerò a scrivere (spero) con maggiore frequenza, nel mentre segnalo ai residenti in zona lombarda una serata da non perdere, con i Wolfango live al Circolo Magnolia. Io andrò sicuro, da quello che ho visto le ultime volte, ne varrà la pena. Poi, se vi capita e vi va, fatevi un giro su http://www.myspace.com/thisisdisease e date un occhio a cosa produce Varese di questi tempi. Bei tempi, bei tempi.

Baci

Ieri il Circolo Magnolia mi ha regalato una serata come aspettavo da tempo, ospitando gli svedesi Deltahead nel loro tour italiano. E devo ammettere che, nonostante sia stato costretto ad organizzarmi all’ultimo momento, percorrere diverse centinaia di Km a poche decine di km/h, fare le ore piccole dopo una interminabile giornata di (In)Civil Servizio, ne è realmente valsa la pena. Come mai? Beh, riassumendo:

CONTRO della SERATA: l’odiosissima tessera ARCI. ANche quest’anno c e l’avete fatta, a farmela fare, e almeno non è Dicembre…

PRO della SERATA: i Deltahead… Ragazzi, era parecchio tempo che non vedevo qualcuno spaccare a questa maniera.

I Deltahead sono un gruppo provenienta dal freddo nord, Svezia per intenderci, ma di freddo non hanno niente. Prendete, chessò, i White Stripes, e fategli fare quello che dovrebbero e potrebbero fare. Sound buono, bello potente. Impatto visivo niente male, tutto sommato divertente, tanto da convincere persino me, che notoriamente odio buffonate tipo trucco e balletti. Inostri sono in due, chitarra e contrabbasso, con due grancasse e charleston suonate “coi piedi” (non male, proprio con i piedi!), che sopperiscono alla mancanza della batteria. Il risultato è ottimo, un grunge misto punk misto HC, ovviamente con un bello sfondo di delta blues fornito dalle sonorità molto fifties della chitarra rigorosamente slide. Pezzi veloci, forse alla lunga ripetitivi e con scarse idee, ma tant’è, così dev’essere, diretti e potenti. E coinvolgenti, che non è poco. Di date in Italia i Deltahead ne faranno un altro po’, se vi capita andate a vedere questi non-morti del blues. E magari prendetevi il dischetto, che ho sentito si trova tranquillamente in Italia (io l’ho preso al banchetto, ma un amico mi ha assicurato di averlo preso qua alla Casa del Disco di Varese).

Le altre date le trovate o sul sito ufficiale (www.deltahead.se) o sul profilo Myspace del gruppo

 N.B. Per errore il post era finito tra le bozze invece di essere pubblicato, ma me ne sono accorto tardi. Si riferisce comunque al concerto di Mercoledì 14