You are currently browsing the category archive for the ‘Vita’ category.

Ho scoperto proprio ora un progetto molto simpatico: aNobii si configura come il last.fm dei libri. Si possono inserire i libri tramite l’ISBN, l’identificativo presente nel codice a barre, e catalogarli, valutarli, consigliarli… insomma, come last.fm

Ecco un esempio: http://www.anobii.com/books/01a59e6c787ebdf6bc/  (grazie nonna)

Ah, l’ho scoperto curiosando sul blog di Fullo.

… di quando ArezzoWave era un festival serio?

Vi prego, miei cari lettori, so che vi aggirate sui 50 circa giornalieri, spero abbastanza per poter fare qualcosa. Voglio fare un appello. Ho sentito solo oggi, grazie a blob (essendomi perso il supermegamaxi evento musicale di ieri), della tragedia. Signori, vi chiedo, in ginocchio, NON scaricate i film da internet, per favore. Come potete essere così crudeli? Come?

Come farà la Gerini a pagare il mutuo? Colpa vostra, giovinastri senza scrupolo!

E questa poi, dovevo sentirla…

E non rubate i cellulari.

Devo trovare il tempo di andare a vedere questo film, dopo quest’ultima mi intriga sempre di più. E Olmi si mostra come sempre un signore (arguto).

Complimenti (a lui, chiaramente)

Ieri sera si è tenuta al circolo Sancho Panza la seconda serata del concorso musicale per band emergenti organizzate da Tube Records, NaturART, InformaGiovani, Comune e Provincia. Serata all’insegna del punk/HC/reggae.

Aprono la serata gli Shank Vibe, sonorità molto jamaicane vagamente old school, suono preciso e pulito, coinvolgenti, e la gente balla. Io dal mio canto odio il raggae, e me ne sto fuori, quindi non saprei dire niente di specifico.

Poi è la volta del gruppo che personalmente mi ha maggiormente convinto, i Kid kills with rabbit. Sound molto seventies, molto punk, spontaneo e bello grezzo, con punte di grunge. Sembra di essere in una cantina ai tempi del liceo, i ragazzi mi sono piaciuti. Spero che il pubblico li premi.

 Ultimi ma non ultimi è la volta dei Johnny Good Meal, Hardcore molto newyorkese, sparato, a tratti vicino al grind e al Metal. Non è propriamente il mio genere, ma dopo il reggae qualsiasi cosa!

 E poi finito. Trascurabile dettaglio le due ore impiegate ad accompagnare i ragazzini InformaGiovaniMagazione a casa, ma come si suol dire, meglio che lavorare.

Ah, l’InCivil Servizio…